logo2
  • Segnapostoslide1
  • Slide2
  • Slide3
  • Slide4

Le vendite derivanti da commercio elettronico indiretto, in cui l'ordine ed eventualmente anche il pagamento vengono effettuati on-line, ma il bene viene poi fisicamente spedito al domicilio o alla sede dell'acquirente, sono assimilate alle vendite per corrispondenza. Pertanto, i relativi corrispettivi non sono soggetti ad alcun obbligo di certificazione fiscale se non quello di emissione della fattura su richiesta del cliente al momento dell'ordine. I relativi incassi dovranno comunque essere annotati nel registro dei corrispettivi ai sensi dell'art. 2 DPR 21 Dicembre 1996 n. 696.

Partendo da questo presupposto, l'Agenzia delle Entrate con risposta n.198/2019 ha precisato che, in fase di prima applicazione, l'obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri non si applica alle operazioni non soggette all'obbligo di certificazione degli stessi.

Pertanto, i corrispettivi da commercio elettronico continuano a essere esonerati dall'obbligo di invio telematico ma devono essere annotati nel registro previsto dall'art.24 DPR 633/1973 (Registro Corrispettivi). Le fatture, se richieste dal cliente al momento dell'ordine, dovranno essere elettroniche e trasmesse telematicamente all'Agenzia delle Entrate.

Ultime news

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3